Come sostituire il latte e i suoi derivati

latte
Milk bottle and milk glasses on napkin with cherry

Come sostituire il latte e i suoi derivati

Latte

I principali e migliori sostituti del latte sono i latti vegetali: da quello di soia, poco calorico e ricco in proteine, a quello di riso, più dolciastro, a quello di avena, con un alto contenuto di fibre. Ma ci sono anche quello di mandorle, cocco, nocciole e persino farro. Tutto quello che dovete fare è assaggiarli per scoprire quale soddisfa di più il vostro palato. In tutti questi casi, se dovete usare il latte per una ricetta, il rapporto è di 1:1, ovvero potete sostituire 100 ml di latte vaccino con 100 ml di latte vegetale.

In realtà, stesso discorso dicasi per l’acqua: sebbene non dia l’apporto nutritivo del latte o dei latti vegetali, ha un sapore ovviamente neutro e potrete usarla, sempre in rapporto 1:1, sia per ricette dolci che salate, dalla besciamella al ciambellone. Per compensare il gusto, potete aggiungere un po’ di aromi: dalla noce moscata al pepe alla vaniglia alla scorza di agrumi grattugiata, sempre a seconda delle ricette.

Se non avete problemi di intolleranze e simili, ma semplicemente vi manca il latte, potete sostituirlo con delnormalissimo yogurt, usandone il 25% in più, o anche con stessa quantità di panna fresca.

Yogurt

Analogamente, potete sostituire lo yogurt con uguale quantità di yogurt di origine vegetale, come quello di soia o di riso.

Potete usare anche il latte, animale o vegetale, modificando le proporzioni come già indicato in precedenza:un vasetto di yogurt da 125 g equivale grosso modo a 100 ml di latte.

Un altro sostituto dello yogurt è la panna, di origine animale o vegetale, da utilizzare nella stessa proporzione.

Infine, strano ma vero, potete sostituire lo yogurt nei dolci con olio in parti uguali.

Panna

Anche al posto della panna fresca potete usare i corrispettivi vegetali (panna di soia, di riso, di miglio… anche di cocco!) nella stessa quantità, oppure, come già detto, latte, sempre nella stessa quantità.

Anche in questo caso, come per lo yogurt, potete usare l’olio, nella stessa quantità.

E per la panna da montare? Si può provare a “farla in casa”, montando con le fruste 75-80 g di burro a temperatura ambiente e 180-190 g di latte intero: il risultato sarà una crema spumosa e soffice, corrispondente a circa 250 g di panna montata (anche se di colore più giallino, per via del burro).

Formaggi

L’unica alternativa per sostituire i formaggi (senza eliminare o cambiare del tutto il tipo di ingrediente, passando ad esempio da una pizza margherita a una pizza al pomodoro) è quella di passare ai formaggi vegetali. Il primo e più diffuso è il tofu, a base di soia, ma si trovano ottimi “formaggi” anche di riso, mandorle e avena, alcuni talmente simili agli “originali” da risultare anche filanti.

Infine, per sostituire il parmigiano grattugiato per insaporire i vostri piatti, potete usare, in quantità a piacere, gomasio (un mix di semi di sesamo tostati e sale marino integrale) o lievito alimentare in scaglie o ancora un mix di mandorle pelate e semi di sesamo (in rapporto di 2:1) tostati e tritati, e, per gratinare, del semplice pangrattato (o farina di mais, per un’alternativa senza glutine), magari abbinato a un filo d’olio.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *